Forensic Architecture — Interdisciplinarità in difesa dei diritti umani

Sea Watch vs Libyan Coast Guard. Un’immagine proiettata su un modello 3D per ricostruire la complicata scena delle operazioni di ricerca e salvataggio della Guardia Costiera Libica e delle navi delle ONG il 6 novembre 2017. Foto: Forensic Oceanography and Forensic Architecture, 2018

Sea Watch vs Libyan Coast Guard. Un’immagine proiettata su un modello 3D per ricostruire la complicata scena delle operazioni di ricerca e salvataggio della Guardia Costiera Libica e delle navi delle ONG il 6 novembre 2017. Foto: Forensic Oceanography and Forensic Architecture, 2018

Fokus

Le indagini di Forensic Architecture, presentate regolarmente in esposizioni internazionali d’arte, architettura e design, costituiscono delle vere e proprie perizie legali. L’agenzia, composta da un gruppo interdisciplinare di ricercatori, intende espressamente difendere le vittime di violazioni dei diritti umani.

Forensic Architecture — Interdisciplinarità in difesa dei diritti umani

Finalista del prestigioso Turner Prize 2018, Forensic Architecture è un’agenzia di ricerca fondata nel 2010, diretta da Eyal Weizman, e basata alla Goldsmiths, University of London. L’agenzia coinvolge un gruppo di ricercatori provenienti da orizzonti diversi – architetti, artisti, giornalisti, scienziati e avvocati – i quali si impegnano ad applicare le loro competenze in contesti di investigazione a servizio di cause umanitarie. Le indagini realizzate e i relativi rapporti, commissionati da procuratori internazionali e ONG, portano su eventi relativi a conflitti armati, violenze di stato e violazioni di diritti umani, al fine di offrire un’analisi precisa degli eventi, spesso in contrapposizione alla versione ufficiale presentata dalle autorità. La strategia di Forensic Architecture consiste ad analizzare documenti – fotografie, filmati e registrazioni – per realizzare modelli tridimensionali e animazioni che restituiscono una visione complessiva dello svolgersi di eventi controversi, quali ad esempio l’uccisione di un giovane palestinese da parte di un poliziotto israeliano, la distruzione di una moschea dalle forze aeree statunitensi o ancora l’utilizzo di armi chimiche da parte del regime siriano. La sezione Forensic Oceanography, diretta da Charles Heller e Lorenzo Pezzani, si occupa più specificatamente del drammatico esodo dei profughi che spesso trovano la morte durante la traversata del Mediterraneo centrale. Le diverse indagini realizzate nel corso degli anni hanno determinato la responsabilità delle autorità italiane e europee nella repressione e nella morte dei migranti, soprattutto a partire dalla fine del programma Mare nostrum nel 2014. Le ultime indagini dell’agenzia pubblicate nel 2018 dimostrano come le autorità tendano a discriminare il lavoro delle organizzazioni umanitari di salvataggio al fine di impedirne l’operato, nonché come l’Italia e l’Europa abbiano messo in atto un sistema di «respingimento per delega» dei profughi in concerto con la guardia costiera libica. Lorenzo Pezzani afferma che «uno dei compiti politici più significativi che ci aspettano è ripensare una cultura visiva capace di operare, al contempo, in seno al e contro l’ambivalenza del regime di stato».(1) Presentato anche nell’attuale esposizione dedicata a Victor Papanek e alla sua eredità intellettuale al Vitra Museum, l’operato di Forensic Architecture è una dimostrazione ammirevole dell’applicazione di metodologie artistiche in favore di un dibattito politico e legale in difesa delle vittime di crimini contro l’umanità.

(1) Lorenzo Pezzani, ‹The Two Lives of the Cap Anamur: Humanitarianism at Sea›, in FORENSIS (Sternberg Press, 2014) 691. Traduzione dall’inglese: Boris Magrini.

Boris Magrini, storico dell’arte e curatore alla HeK (House of Electronic Arts Basel). mail@borismagrini.com

Bis 
10.03.2019
Institutionenaufsteigend sortieren Land Ort
Vitra Design Museum Deutschland Weil am Rhein
Ausstellungen/Newsticker Datum Typ Ort Land
Victor Papanek: The Politics of Design 29.09.201810.03.2019 Ausstellung Weil am Rhein
Deutschland
DE

Werbung